05 novembre, 2022

Guadagnare dalle chiamate ricevute dai clienti, fuori orario e senza un contratto di assistenza.


Il problema di ogni centro di assistenza è quello di fare più contratti di assistenza, per potersi garantire

 delle entrate sicure, con le quali gestire tutti i costi che dovrà sostenere durante l'anno. 

 Purtroppo non tutti i clienti capiscono l'importanza di avere un contratto di abbonamento, anzi molti

 approfittano della disponibilità dei tecnici e pretendono assistenza anche fuori orario. 

Il problema ho dovuto affrontarlo anch'io e l'ho risolto in tre passi: 

1) Ho attivato tecnicofast.it, e l'ho consegnato ai soli clienti in abbonamento 

2) Ho attivato un numero a pagamento (895) che entra in funzione dopo i normali orari di lavoro e durante i festivi 

 3) Ho scaricato una APP che mi permette di filtrare i numeri da cuoi ricevere le chiamate. 


Premesso che le telefonate che arrivano fuori orario hanno solo due possibilità di soluzione: 

1) E' un problema risolvibile al telefono, come, ad esempio, con impostazioni o programmazioni, che potrebbe anche fare il cliente in autonomia. 

 2) E' un problema non risolvibile al telefono, come, ad esempio,consegna di materiali (rotoli, toner ecc.) o interventi hardware che richiedono l'intervento del tecnico in presenza. 

  Nel primo caso tecnicofast.it dispone dell'area FAI DA TE con video, istruzioni e manuali con i quali i cliente può risolverli in autonomia. 

Nel secondo caso, il cliente può aprire un ticket che verrà letto dai tecnici in tempo reale.

In più, il cliente, dispone della funzione "chiamami", tramite la quale può richiedere la chiamata da parte del tecnico.

I clienti che non hanno nessun abbonamento sono costretti a chiamare il numero a pagamento, ed io CI GUADAGNO.

Vuoi anche tu guadagnare dai clienti che non hanno nessun abbonamento?

Entra nel futuro dell'assistenza tecnica, richiedi una demo su tecnicofast.it ed elimina (o guadagna da) tutti gli scocciatori che chiamano fuori orario.

 

26 ottobre, 2022

C'era una volta la carta, ma solo se usi tecnicofast.it (www.tecnicofast.it)

Quando ho cominciato a fare il tecnico i ticket si chiamavano chiamate, non esisteva whatsapp e neppure le e-mail, tutto avveniva al telefono, telefono fisso ovviamente perchè non esistevano neppure i telefoni cellulari.

Erano gli anni '80 e il tecnico aveva l'abitudine di chiamare a metà giornata per sentire se c'erano altre chiamate da fare, magari nella stessa zona in cui si trovava, per ottimizzare gli spostamenti.

Il tecnico si portava dietro gli appunti della segretaria, faceva compilare un rapporto di intervento cartaceo al cliente, e, se poteva, incassava direttamente oppure era costretto a ritornare dal cliente, perchè non esistevano neppure i POS

Oggi è tutto più facile perchè le chiamate si possono ricevere via mail o whatsapp (cosa che detesto perchè è molto pericoloso per chi è alla guida), ma la segretaria continua a segnarlo sui foglietti di carta, il tecnico è ancora costretto a portarsi dietro i rapportini cartacei e se vuole incassare con carta o bancomat deve portare co se un POS, a meno che il centro non decida di entrare nel futuro e cominci ad adottare tecnicofast.

Tecnicofast.it è IL FUTURO DELL'ASSISTENZA TECNICA per i seguenti motivi:

  • il cliente non ha bisogno di fare telefonate o inviare mail o whatsapp, deve solo inquadrare un QR-Code personalizzato.
  • sia il tecnico che il centro di assistenza ricevono via e-mail il ticket aperto dal cliente
  • il tecnico può trasformare il ticket in rapporto di intervento e farlo firmare digitalmente al cliente
  • il cliente può pagare con carta di credito o bancomat, perchè tecnicofast.it dispone di una soluzione integrata per incassi elettronici
  • il rapporto di intervento firmato dal cliente viene inviato via e-mail al centro di assistenza ed al cliente al momento della firma.
TUTTO QUESTO SENZA SPRECARE UN SOLO FOGLIO DI CARTA!

Oltre ad essere una soluzione che ti permette di risparmiare tempo e denaro, tecnicofast.it rispetta l'ambiente, perchè ti permette di lavorare senza sprecare inutile carta.

E tu vuoi continuare a psrecare carta o vuoi entrare nel futuro dell'assistenza tecnica?



14 settembre, 2022

Il segreto per ottimizzare le chiamate dei tuoi clienti, risparmiando tempo e chilometri, e senza sprecare neppure un foglio di carta. Prima parte

  Il problema numero uno di un tecnico è quello di gestire le chiamate di assistenza tecnica, ottimizzando le uscite per non dover perdere molto tempo in macchina per gli spostamenti.

  Molte volte non è colpa del cliente se le chiamate di assistenza le invia in ritardo, poichè lui è impegnato nelle sue cose.


  Fino a ieri il cliente per effettuare una richiesta di assistenza tecnica doveva:

- Procurarsi li numero di telefono del centro di assistenza;

- Chiamare con il numero aziendale o con il suo telefono aziendale il centro di assistenza tecnica e aprire un ticket;

- Descrivere il problema a chi risponde;

- Attendere la risposta del centro di assistenza.

  Se poi il cliente ha a disposizione il numero di telefono del tecnico può saltare tutti questi passaggi e chiamarlo o inviargli un whatsapp. Se il tecnico ha l'autonomia di intervenire senza prima contattare il centro di assistenza il problema può essere considerato risolto, altrimenti si crea un altro giro di telefonate fra il tecnico ed il centro di assistenza.

  Il problema sta nell'ottimizzazione della gestione dei ticket, infatti prima che il tecnico venga a conoscenza di una chiamata può trascorrere del tempo prezioso durante il quale si potrebbero ottimizzare  le uscite.

  Ad esempio se al centro di assistenza arriva un ticket da un cliente che si trova sul precorso già assegnato al tecnico, lui non ne verrà a conoscenza prima che il centro non glielo comunichi. Inoltre non avrà a disposizione nessun documento da far firmare al cliente.


Facsimile di QR code a disposizione del cliente

  Con tecnicofast,it tutto diventa più semplice!

  

  Il cliente scansiona il QR code sul suo dispositivo ed accede istantaneamente alla sua area riservata dove trova:

- Il pulsante per l'apertura ticket

- Un pulsante con accesso all'area FAQ, per risolvere in totale autonomia i problemi di facile soluzione

- Il pulsante con accesso all'area SHOP del negozio, per poter effettuare acquisti 

- Il pulsante "PRESENTA UN AMICO" per farti segnalare dei contatti.

  Con l'apertura del ticket si generano una serie di e-mail dirette rispettivamente:

- Al tecnico per avvertirlo del nuovo ticket

- Al cliente per comunicargli che la sua richiesta è stata presa in carico

- Al laboratorio che viene messo al corrente della richiesta del cliente.

  Il tecnico può generare il rapporto di intervento direttamente dal ticket ricevuto e farlo firmare al cliente, in maniera digitale, direttamente sul suo smartphone, il tutto senza stampare neppure un foglio.

  Una copia del rapporto di intervento firmato arriverà via mail al cliente.

  E se il cliente vuole pagare con carta di credito?

  tecnicofast.it ti permette di incassare, inserendo i dati della carta di credito/bancomat del cliente senza la necessità di portarsi dietro un POS ed essere così in regola con le più recenti normative!

  Vuoi portare il tuo laboratorio tecnico nel futuro?

  Vuoi risparmiare tempo e soldi ottimizzando il tuo servizio di assistenza tecnica?

  Vuoi dar la possibilità al tuo tecnico di viaggiare con tutta la documentazione tecnica a portata di smartphone? (di questa funzione te ne parlo nella seconda parte)

  Passa a tecnicofast.it (www.tecnicofast.it) e dimentica i foglietti volanti su cui annotare le chiamate ricevute e non solo.

  Infatti questa è solo una delle tantissime funzioni di tecnicofast.it, delle altre te ne parlerò nelle prossime puntate, oppure, se sei impaziente di conoscerle, contattami pure su: info@interserviceweb.it

Alle prossime puntate

 

Giuseppe Tattoli


  



   

11 luglio, 2022

OBBLIGO DEL POS: ANCHE IL TECNICO DEVE PORTARSI DIETRO IL POS? NO, SE USA TECNICOFAST

 OBBLIGO DEL POS: 

ANCHE IL TECNICO DEVE PORTARSI DIETRO IL POS? NO, SE USA TECNICOFAST


 Dal 1° Luglio è scattato l'obbligo per commercianti e professionisti di accettare i pagamenti in formato elettronico.

Ora qui voglio aprire una parentesi.

 Al contrario di ciò che hanno scritto e detto da tutte le fonti di informazione, la legge non prevede l'obbligo dell'uso di un POS, ma prevede l'obbligo di accettare i pagamenti elettronici, il che fa molta differenza nell'organizzazione e nella gestione.

 Il tecnico che fa manutenzione quindi, non deve necessariamente portarsi dietro un POS, ma è comunque obbligato ad accettare i pagamenti elettronici.

 Ora ci sono molte piattaforme che prevedono la possibilità di incassare da APP o da WEB, però, se si usa questa soluzione, ogni tecnico deve avere le credenziali di accesso al portale che gestisce il pagamento elettronico.

 Una soluzione, che tra parentesi è quella che uso io, è il software studiato apposta per l'assistenza tecnica chiamata tecnicofast.it, una soluzione ideata da me e realizzata dal mio staff che mi piace definire  "l'innovation team"

 tecnicofast.it, permette di gestire l'assistenza tecnica a 360°, ed ha tante funzioni che non sto qui ad elencare, voglio però soffermarmi sulla possibilità di incassare direttamente dal cliente senza portarsi dietro nessun apparecchio, perché basta un tablet o, al limite, è sufficiente anche uno smartphone!

 Qui di fianco puoi vedere la schermata che appare sul dispositivo del tecnico alla fine della compilazione del rapporto di intervento. Da qui può inserire i dati della carta di credito del cliente ed acquisirne la firma, limitando anche l'uso della carta.

 Inoltre tecnicofast.it non ha limitazioni di tecnici (almeno per ora) quindi con una licenza possono lavorare contemporaneamente più tecnici, con un notevole risparmio da parte dell'azienda, in termini di canoni da versare alla banca per l'utilizzo del POS fisico. 

 Quindi NO AL POS si a tecnicofast.it!

Giuseppe Tattoli




PRESENTAZIONE

 Cos'è  Professione Tecnico


  Professione Tecnico è il mio blog dedicato a chi fà dell'assistenza tecnica una professione.

  Parlerò dell'approccio al cliente, delle problematiche che quotidianamente incontriamo nel corso della nostra attività ecc.

  Mi piacerebbe avere anche dei pareri, esperienze, opinioni di chi, come me, è tutti i giorni a lavorare sul campo.

Un saluto

Giuseppe Tattoli

Guadagnare dalle chiamate ricevute dai clienti, fuori orario e senza un contratto di assistenza.

Il problema di ogni centro di assistenza è quello di fare più contratti di assistenza, per potersi garantire  delle entrate sicure, con le...